AIIB contro TPP, significato e conseguenze

AIIB contro TPP, significato e conseguenze

Philippe Grasset,
 
 MK Bhadrakumar indica la posizione dell’India sulla banca d’investimento AIIB lanciata dai cinesi, che raccoglie un successo senza precedenti e la furia degli Stati Uniti. 
Con il 10-15% dei 100 miliardi di dollari deposito, l’India è il secondo azionista e co-leader dell’istituto al fianco della Cina che ha naturalmente la leadership con il 25-30%. 
Entrambi i Paesi forniscono il 35-45% del deposito, mentre i Paesi asiatici nel complesso raggiungono il 75%. 
In tutto, 57 Paesi sono “fondatori” dell’AIIB, la cui carta sarà firmata a fine giugno e la cui operatività è prevista per la fine dell’anno. 
In un articolo del 22 maggio 2015, Bhadrakumar esamina la relazione tra India e Cina nella collaborazione nell’istituto la cui dimensione politica è ormai evidente. Bhadrakumar è sfumato e talvolta severo nei suoi giudizi sulla politica del Primo ministro Modi verso le attuali principali tendenze anti-sistema predominanti, da un lato, e nei confronti dell’attuale principale tendenza-sistema, dall’altro (il caso degli Stati Uniti). 
Giudica la politica di Modi strategicamente incerta mentre sembra perseguire diverse cose contemporaneamente, anche se la naturale posizione strutturata dell’India l’inserisce nella cosiddetta tendenza anti-sistema. 
Bhadrakumar ha osservato, questa volta, che la posizione nell’AIIB impegna realmente l’India al fianco della Cina, quindi contro gli Stati Uniti nel settore molto sensibile delle istituzioni finanziarie internazionali. (…E il campo delle istituzioni finanziarie nell’ambito della sfera economica è in via di politicizzazione permanente, in un momento in cui gli antagonismi politici si esprimono non solo con scontri strategici e militari, ma anche economici e di comunicazione, economia e comunicazione vanno di pari passo e mantengono la loro politicizzazione permanente tramite le rispettive interconnessioni, perché sono espressione di questa politica nell’attuale condizione di confronto generale).
 “Evidentemente un forte sostegno dell’India nell’AIIB indica condivisione delle preoccupazioni della Cina da aspirante potenza riguardo le ingiustizie dell’ordine economico internazionale. Ovviamente, sentendosi frustrati dal carattere rappresentativo dell’economia mondiale. e dopo anni di vani tentativi di riforma di Banca mondiale e Fondo monetario internazionale, Cina e India semplicemente vanno avanti.
 Oltre a ciò, in termini politici, l’India indica piena soddisfazione verso la Cina che mantiene la parola nel fornire elevati standard di governance alla nuova istituzione finanziaria. 
 
 Certamente la Cina rispetta l’impegno a non avere alcuna intenzione di voler dominare il processo decisionale o le politiche di prestito della banca. Anche in questo caso, la banca certamente aumenterà la sfera d’influenza della Cina in Asia e, nel frattempo, eleva la valuta cinese, yuan, nella competizione con il dollaro statunitense e lo yen giapponese quale valuta di riserva della regione. Tale obiettivo chiaramente indica l’inevitabile incremento dell’influenza cinese negli affari mondiali e l’alto rischio per gli Stati Uniti di perdere ulteriormente peso in Asia. Cosa che non sembra preoccupare l’India…”
Bhadrakumar continua quindi a sfumare le critiche ricorrenti già segnalate contro la politica di Modi, questa volta affermando che la mancata chiara scelta tra cooperazione con la Cina (in correlazione con la posizione indiana nei BRICS e presto nella SCO) e cooperazione con gli Stati Uniti merita tale sfumatura, con la posizione assai visibile dell’India nell’ente AIIB.
(Una posizione più coerente con la politica dell'”incertezza strategica”, secondo Bhadrakumar, sarebbe l’impegno indiano nell’AIIB discreto, perso nella massa degli altri Paesi fondatori).
 Queste diverse osservazioni sull’AIIB sono tanto più importanti poiché, parallelamente allo sviluppo della banca AIIB con gli impegni che ne comporta, vi sono gli ultimi sviluppi sul trattato di libero commercio Asia-Pacifico TPP. (Come è stato detto in precedenza, vediamo l’emergere di questi meccanismi non dal punto di vista economico [finanziario, commerciale], ma dal punto di vista politico per la loro politicizzazione immediata).
Dopo la sconfitta nell’avere supporto al Congresso sulla zona di libero scambio (Fast Track Authority), il 13 maggio 2015, Obama ha mutato l’andazzo con varie manovre politiche basate sulla cooperazione con i vertici di entrambi i partiti, particolarmente acquisiti agli interessi dei poteri aziendali, ottenendo un voto favorevole al Senato.

Questo episodio sottolinea il notevole potere corporativo sui due rami principali del potere a Washington.
La partita sul TPP non è ancora vinta negli Stati Uniti, perché resta il voto della Camera, notoriamente riluttante ad impegni sul libero scambio, ma è importante riconoscere che la speranza di un’inversione favorevole al TPP, a Washington, è abbastanza scarsa. Con il TTIP nell’area euro-atlantica, il TPP interessa l’Asia-Pacifico e i mega-accordi di libero scambio fanno parte delle più importanti offensive, se non di ciò che alcuni ritengono l'”offensiva finale” del sistema nel processo di dissoluzione dei principi di sovranità e legittimità degli Stati.
E’ qui che un altro aspetto, il più importante per noi, mantiene il punto essenziale già indicato della dimensione politica di ogni azione economica e di civiltà (“... gli antagonismi politici sono espressi non più solo da scontri strategici e militari, ma da scontri economici e di comunicazione, dato che economia e comunicazione vanno di pari passo, mantenendo la loro politicizzazione permanente tramite le rispettive interconnessioni, perché espressione di questa politica nell’attuale condizione di confronto generale“).
Ciò fa parte dell’aspetto politico del TPP, essenza occulta del trattato dietro l’apparenza economica, e il TPP in questo senso è politicamente diretto contro la Cina, come notammo l’11 maggio 2015: “Ma non si ferma qui il processo… va posta un’altra interpretazione del TTP, secondo l’eccellente Alastair Crooke del “Conflicts Forum”, nei suoi ultimi “Commenti settimanali” dell’8 maggio 2015, alla luce di un recentissimo importante studio del Council of Foreign Relations (CFR), del marzo 2015, e presentato dal suo presidente Richard Haas. Lo studio rileva che lo sviluppo della Cina è una minaccia all’egemonia statunitense, che va bloccata a tutti i costi…


Crooke esamina la questione delle sanzioni contro l’Iran sotto l’aspetto giuridico delle sanzioni generalmente interpretate come politica egemonica degli Stati Uniti.
Il documento del CFR viene presentato come analisi del regime delle sanzioni all’Iran prima di concludere che, nello spirito della prefazione del presidente del CFR Richard Haas, i trattati TTP per i capi degli Stati Uniti sono volti ad imporre un regime di sanzioni alla Cina…” Ma lo stesso argomento, secondo le regole che fanno di economia e comunicazione l’essenza politica costitutiva dell’antagonismo, va nella direzione opposta per l’AIIB. Se il TPP equivale a introdurre le sanzioni contro la Cina, l’AIIB diventa, piaccia o meno agli altri, anche a i cinesi, parte di una potente dinamica assolutamente politica, volta a consolidare tutte le iniziative che potremmo definire anti-sistema nell’ambito dell’AIIB (BRICS e la banca che hanno appena creato, SCO, ecc.).
In questo caso, l’India secondo la critica di Bhadrakumar (soprattutto perché fa parte dei BRICS ed entrerà nella SCO), presto dovrà fare delle scelte strategiche e politiche in rapporto al suo impegno altamente visibile nell’AIIB. Non sarà la sola, e questo è il motivo per cui il caso indiano va considerato come riferimento piuttosto che specifico…
Ci sarà, naturalmente, il caso dei Paesi asiatici ed altri che fanno parte del TPP e anche dell’AIIB, e ci sarà il caso dei Paesi del blocco BAO membri dell’AIIB nel quadro euroatlantico, che quando il TTIP passerà, si troveranno nella stessa situazione difficile ed incerta, perché il TTIP può essere considerato rispetto alla Cina, come la macchina per imporre le sanzioni occidentali alla Russia, cioè contro l’asse Russia-Cina.


È sufficientemente noto che l’asse Russia-Cina è ormai una realtà sempre più potente, principalmente su base economica, anche se l’aspetto strategico della sicurezza si amplia; ma quest’ultima osservazione non è di fondamentale importanza nel contesto che abbiamo proposto della politicizzazione immediata delle politiche economiche, e l’asse Russia-Cina è necessariamente un’entità completamente e istantaneamente politica (e antisistema).
 Il quadro economico e comunicativo non esprime più solo l’antagonismo che si materializzerebbe in veri e propri conflitti di natura politica e strategica e dalla dimensione militare, essendo esso stesso e direttamente, piuttosto che sostanza, essenza del confronto generale, perché l’antagonismo generale è appunto sempre meno esprimibile sul piano militare.
 A tali condizioni, tutti i Paesi che credono di poter fare il “doppio gioco” (India), inconseguenti nella loro sfera politica (Paese del blocco BAO entrato nell’AIIB), dovranno effettivamente affrontare i dilemmi politici della guerra totale poste dalla loro posizione, che va considerata ambigua e che implica ovviamente la necessità, prima o poi, di una scelta chiara.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Commenti

Post Piu' Letti