Comandante della Marina USA in arresto per essersi rifiutato di lanciare un attacco nucleare sulla Russia - video -

Comandante della Marina USA in arresto per essersi rifiutato di lanciare un attacco nucleare sulla Russia - video-

Dal 19 Marzo  nel Cremlino circola un rapporto, preparato dal Foreign Service Intelligence (SVR) per il Ministero della Difesa (MoD), afferma che il comandante per le comunicazioni nucleari del presidente Barack Obama, è stato prima sollevato dal comando, e poi arrestato, per non essere riuscito a trasmettere i codici di lancio che avrebbero autorizzato l’attacco con armi atomiche sulla Federazione Russa; attacco coordinato con un attacco simile “a sorpresa” pianificato da parte del Regno Unito.
Secondo il SVR, il Capitano della US Navy Heather E. Cole, comandante dell’ufficio Strategic Comunications Ala 1 della Marina degli Stati Uniti situato presso la Tinker Air Force Base in Oklahoma, gestiva le comunicazioni che permettono al presidente Obama ed al Segretario della Difesa Ashton Carter di contattare direttamente i sottomarini, i bombardieri ed i missili terrestri che
compongono la forza nucleare strategica degli Stati Uniti.
In tale relazione si afferma che Lunedì 16 Marzo, il Capitano Cole (foto sopra), ha ricevuto dal Pentagono l’ordine di lancio che autorizzava un attacco nucleare “limitato” contro la Federazione Russa. 
Tale attacco non è riuscito a causa (o grazie) di un Permissive Action Link (PAL) fallito, che ha permesso al Capitano Cole di interrompere questo attacco pianificato.

Il PAL è un dispositivo di sicurezza per le armi nucleari il cui scopo è quello di evitare l’inserimento o la detonazione non autorizzata di armi nucleari.
Nella relazione, gli esperti del servizio di intelligence spiegano che, in questo caso, il fallimento è dovuto ad una misura di sicurezza aggiuntiva ordinata dall’ex segretario della Difesa USA Chuck Hagel, messa in atto prima di essere costretto alle dimissioni, il mese scorso, subite successivamente al suo rifiuto di prendere parte a questo attacco contro la Russia.
“È arrivato il tempo perché Chuck Hagel lasci la guida del Pentagono”, ha detto Barack Obama riferendosi alle dimissioni del numero uno della Difesa. 
Il presidente, scrive il New York Times, avrebbe chiesto ad Hagel di dimettersi per dissidi con lo staff della Sicurezza Nazionale della Casa Bianca.


In particolare Obama ha deciso che Hagel non ha le capacità necessarie per affrontare la minaccia di ISIS.
La relazione spiega inoltre che il Segretario Carter non era a conoscenza delle modifiche di sicurezza apportate dal Segretario Hagel, le quali, hanno permesso al Capitano Cole di interrompere questo attacco nucleare pianificato.
A causa del fallito attacco, il Capitano Cole è stato arrestato Martedì 17 Marzo dalla guardia armata della US Naval Air Station (NAS) Miramar di San Diego (California) dove rimane in isolamento.
Quale sarà il destino del Capitano Cole? 
Molto probabilmente, nella migliore delle ipotesi, il suo nome sarà infagato; nella peggiore, sarà “suicidata” per impedirle di raccontare quello che sa.


 Comunque l'attacco non era del tutto inaspettato, infatti Il 16 Marzo 2015, il ministro russo per le Situazioni di Emergenza Vladimir Puchkov, ha firmato un decreto legge, con effetto immediato, per proteggere la popolazione in caso di contaminazione chimica o radioattiva.
L’intero territorio di San Pietroburgo è correlato ad un addestratissimo gruppo della protezione civile, in quanto, può essere sottoposto a contaminazione radioattiva nel caso avvenisse un incidente nella centrale nucleare di Leningrado.
 Pertanto, il 100% della popolazione locale deve essere dotata di maschere antigas e “attrezzature mediche per la protezione individuale”.


I datori di lavoro, sottoposti alla massima responsabilità, devono acquistare maschere antigas per tutti i dipendenti e creare un margine di riserva del 5%.
 In assenza di magazzino, i dirigenti hanno il dovere di distribuire le maschere antigas ed i kit di sopravvivenza ai lavoratori stessi, che avranno la responsabilità della sicurezza dei beni, tutto, a loro spese. 
Il mancato rispetto di tali requisiti, saranno perseguiti come gravi illeciti amministrativi.
Questo è solo l’ultimo segnale che la Russia sta preparando la cittadinanza a fronteggiare una guerra nucleare?

Commenti

  1. È uno schifo quello che sta succedendo su questo sventurato pianeta

    RispondiElimina

Posta un commento

Post Piu' Letti