PERCHE’ LA GERMANIA CONTINUA A RIMPATRIARE IL SUO ORO DA USA E FRANCIA ?

PERCHE’ LA GERMANIA CONTINUA A RIMPATRIARE IL SUO ORO DA USA E FRANCIA ?

La Banca centrale tedesca, la Bundesbank, continua a rimpatriare le sue riserve d’oro depositate presso la US Federal Reserve e la Banca di Francia.
Secondo un comunicato stampa rilasciato dalla Bundesbank, nel 2014 è stato rimpatriato a Francoforte un totale di 120 tonnellate di oro.
 Di queste, 35 tonnellate di oro sono stati rimosse dalla Banca di Francia a Parigi e 85 tonnellate dalla Federal Reserve Bank di New York.
Il rimpatrio dell’oro tedesco avviene secondo il piano presentato Bundesbank nel gennaio 2013, in base al quale la Germania 2020 intende mantenere la metà del suo oro nelle sue volte.
Entro la fine del 2014 il volume totale delle riserve ufficiali d’oro della Bundesbank tedesca è stato stimato al 35,2% (1.192 tonnellate).
 Nei sotterranei della Federal Reserve statunitense, della Banca d’Inghilterra e della Banca di Francia
rimane rispettivamente il 42,8% (1.447 tonnellate), il 12,9% (438 tonnellate) e il 9,1% (307 tonnellate) dell’oro tedesco.

Gli esperti sottolineano che la decisione della Germania di rimpatriare le riserve auree era dovuta al timore che la Federal Reserve degli Stati Uniti avrebbe potuto utilizzarle nel settore bancario.
Inoltre, il deposito di oro all’interno del paese può essere visto come una specie di assicurazione in caso di ritorno alle monete nazionali in Europa. 
Il fatto che molti paesi vogliono avere un’assicurazione di questo tipo significa che questi Stati membri ritengono che vi sia un reale rischio di crollo della zona euro. 
La tendenza al rimpatrio dell’oro per il paese è la prova evidente che la sfiducia è in crescita, sostengono molti economisti.
 
Fonte: http://actualidad.rt.com
Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di TORITO

Commenti

Post Piu' Letti