.

.
Un'esigua minoranza dell'umanità si è autoeletta superiore agli altri popoli, forte unicamente di una migliore tecnologia che si è evoluta di pari passo al loro distacco dalla spiritualità e dal rispetto della natura. Sigillati nel loro autodistruttivo modo di vita basato sull'economia stanno implodendo senza rendersene conto. Si credono superiori al punto che li lascia indifferenti il fatto che stanno segando il ramo su cui è seduto l'intero mondo"Quando i poteri pubblici violano le libertà fondamentali e i diritti garantiti dalla Costituzione, la resistenza all'oppressione è un diritto e un dovere del cittadino"..

Translate

Messaggio di Shrī Babaji Mahāvatār

Messaggio di Shrī Babaji Mahāvatār

L’entità canalizzata si è presentata con il nome: Babaji Mahāvatār

“Ha creduto…qualcuno…di poter creare una società priva di energia divina, ma questa non è vera libertà è solo l’illusione di poter fare a meno di Dio, lo schiavo che sogna la libertà e crede di essere libero. Adesso avete una società fondata su principi materialistici che troppo spesso, si camuffano da ideali, principi e valori che non sono niente di tutto questo. Questo è. La realtà che avete sotto gli occhi, è una società umana basata sull’illusione di essere umana ma senza l’aiuto di Dio, questo è impossibile. Ciò che avete tra le mani è una società carente di energia divina, in cui anche laddove si parla di Dio e di spiritualità se ne parla e basta, difficilmente si agisce su se stessi con la forza della coerenza. Quando l’individuo deve lavorare su se stesso può aspettare, gli altri no ma lui si. L’energia divina non è una delle tante alternative della vita, una tra le tante strade da percorrere, l’energia divina è la vita. L’energia divina nutre la coscienza, l’energia divina è l’ossigeno della coscienza e voi siete coscienza, senza di essa non vi è ricordo spirituale e senza la memoria spirituale l’essere umano agisce come un automa. Quando la coscienza si arresta, l’individuo compie degli errori di valutazione e quando molti individui compiono errori di valutazione, qualsiasi società è destinata a fallire. Senza energia divina al posto della condivisione c’è l’egoismo, al posto della giustizia c’è l’ingiustizia, al posto dell’onestà c’è la corruzione, al posto del vero amore c’è solo la soddisfazione di un momento, al posto della beatitudine e della serenità interiore ci sono ansia, paura e frustrazione, al posto della vita c’è la morte interiore. Attraverso la sua coscienza ognuno può modificare il proprio destino. Ma non poteva che andare così, nessuno può fare a meno dell’energia divina, ognuno è vincolato al suo dna e l’energia divina è il vero dna spirituale di ogni essere umano. Una società priva di giustizia divina è destinata al fallimento. Orde di profeti nel tempo hanno da sempre invocato l’importanza di questo aspetto universale, ma le loro invocazioni sono dai più rimaste inascoltate. Non esiste un surrogato terreno, pensato dagli uomini, della morale divina, per quanto l’essere umano ci speculi sopra da millenni. Ora il cambiamento è nelle vostre mani, prendete in mano il vostro destino. Come reagite ai cambiamenti planetari in atto? Dite a voi stessi e agli altri che è tutto normale e che è sempre successo? Se funziona dire questo…bene, altrimenti ascoltate ciò che ho da dirvi. Vi siete chiesti il senso di tutto questo? Affrontate con coraggio l’onda del cambiamento o aspettate che tutto torni come prima? Niente sarà più uguale a prima, ogni cosa cambia, evolve, prima o dopo, perché Dio esiste e l’essere umano ha bisogno della sua costante presenza, una “morale” solo umana non è sufficiente per creare una società giusta e felice e non perché manchino le risorse o i mezzi, ma perché ci sono troppi attaccamenti ed egoismi. L’essere umano deve essere consapevole dei suoi limiti, sapere quando fermarsi e chiedere aiuto a Dio. Ognuno di voi, nessuno escluso, ha una coscienza, non ha molta importanza chiedersi da dove viene, perché c’è o dove andrà, prendete atto che c’è, c’è e basta. Usatela. Una coscienza che ogni qualvolta state per compiere un’azione vi parla, si manifesta e vi dice questo “si”, questo “no” o questo “forse”. Non è forse vero? E cosa accade dopo? Accade che non ascoltare la coscienza può richiedere meno fatica di questi tempi che ascoltarla, allora subentra la mente, la mente inferiore, che vi dice che forse siete esagerati e che forse non è così importante, vi dice che probabilmente vi state sbagliando e che d’altra parte così fanno tutti ma questi pensieri fanno l’interesse dell’io inferiore, non della vostra anima o di chi vi circonda, non perché la mente sia cattiva di per sé ma perché segue la linea di minor resistenza. Ma per evolvere, per cambiare il vostro destino, per migliorare la qualità della vostra vita e del pianeta di cui fate parte, non potete stare fermi, inerti, letargici e guardare il mondo che cambia. Dovete agire e in una direzione che forse, non avevate considerato e per farlo ci vuole volontà. Tutti voi sapete che un po’ di movimento e una buona dieta alimentare possono far bene ma ci vogliono azione e sforzo, seguendo la linea di minor resistenza, racconterete a voi stessi che forse mangiare un po’ di quello o questo non fa così male e che magari c’è sempre domani per fare movimento…domani che poi diventa oggi, prima di quanto pensavate e così è quando dovete fare scelte diverse. Agite…e agite secondo coscienza o non cambierà mai niente, niente migliorerà della vostra vita e sarete solo osservatori passivi del vostro destino e di quello dell’umanità intera. Ma la coscienza non è un bene al quale si può rinunciare senza rinunciare a se stessi. Vi trovate sempre di fronte ad una scelta e anche quando a voi non sembra, una scelta c’è sempre, è una scelta interiore. Senza azione consapevole andrete dietro solo a degli automatismi, allora, in quel caso, la coscienza non servirà più a niente, ma la coscienza, ricordatevelo, è ciò che ci ricorda che siamo di natura divina e che siamo figli del Divino tutti quanti, la coscienza di ognuno, è ciò che può rendere migliore questo mondo, la coscienza ha il potere di mettere fine alle inutili e numerose sofferenze e miserie di questo mondo. Dio ci ama e per questo ci ha donato questo inestimabile dono che non può essere sostituito da alcuna ricchezza materiale ma che è la vera ricchezza del mondo e dell’umanità intera e l’unica possibilità per costruire la basi di un mondo migliore. Ascoltate ciò che la vostra coscienza ha da dirvi e sarete parte attiva del cambiamento nel presente e nel futuro del mondo ma soprattutto potrete dire di sentirvi vivi. Prima di essere qualsiasi altra cosa, siate umani. Il senso di colpa serve solo nell’attimo in cui vi fa vedere ciò che di negativo può esserci per voi e per gli altri, ma non lasciate che questa presa di coscienza si trasformi in un inutile zavorra.

Buon lavoro.
Om Namah Shivay.”
Tratto dal libro “L’amore e la fine dei tempi” di Jāriyama (messaggio n. 12, capitolo 3, ottava sezione),

Nessun commento :

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...