.

.
Un'esigua minoranza dell'umanità si è autoeletta superiore agli altri popoli, forte unicamente di una migliore tecnologia che si è evoluta di pari passo al loro distacco dalla spiritualità e dal rispetto della natura. Sigillati nel loro autodistruttivo modo di vita basato sull'economia stanno implodendo senza rendersene conto. Si credono superiori al punto che li lascia indifferenti il fatto che stanno segando il ramo su cui è seduto l'intero mondo"Quando i poteri pubblici violano le libertà fondamentali e i diritti garantiti dalla Costituzione, la resistenza all'oppressione è un diritto e un dovere del cittadino"..

Translate

La profezia di Jaques the Molay: fine del papato il 18/03/2014

La profezia di Jaques the Molay: fine del papato il 18/03/2014

by Tiziano Bruni
Di tutte le profezie che riguardano il 2014, perlopiù bufale o addirittura palesi scemenze, ce n’è una che sicuramente fornirà materiale per chiacchiere infinite tra i complottisti della domenica e tra i fan di Adam Kadmon.
 Si tratta di una profezia antica, molto precisa, pronunciata nientemeno che da Jacque De Molay (1243-1314), ultimo maestro dei Cavalieri Templari.
De Molay, nobile di origini burgunde, fu a capo di quello che ai tempi era l’ordine cavalleresco più ricco e influente d’Europa.
 Ebbe la sfortuna di governare i Templari proprio negli anni in cui vennero presi di mira dal noto processo atto a screditarli e, soprattutto, a privarli del loro
immenso tesoro.

De Molay venne arrestato nel 1307 e fu soggetto a tortura e prigionia, al fine di estorcergli una “confessione” totale. 
Il 18 marzo del 1314 venne infine condannato a morte sul rogo. 
Proprio in quell’occasione pronunciò la celebre maledizione.
Essa è innanzitutto una profezia, che si snoda in quattro punti fondamentali.
1 – Rivolgendosi al Papa Clemente V gli disse: “Tu morirai entro 40 giorni“. Clemente V infatti morì 33 giorni dopo.
2 – Rivolgendosi verso il Re Filippo IV di Francia detto il bello disse: “Tu morirai entro la fine del 1314“. 
Filippo il Bello morì il 29 Novembre 1314.
3 – Rivolgendosi verso la Monarchia Francese disse: “La casa reale Francese cadrà definitivamente entro la tredicesima generazione da Filippo IV“.
 Luigi XVI fu effettivamente il 13° discendente di Filippo IV e ultimo Re di Francia.
4 – Rivolgendosi alla Chiesa Romana disse: “Il Papato terminerà entro 700 anni dalla mia morte“.
 Ovvero entro il 18 Marzo 2014.
Va da sé che, con tre profezie azzeccate su quattro, gli amanti del cospirazionismo si dicono convinti che anche la quarta, riguardante la fine del Papato, si rivelerà veritiera.
Per tirare acqua al loro mulino sostengono che la Chiesa Cattolica ha già iniziato a “morire” con le clamorose dimissioni di Benedetto XVI, che di certo rappresentano un caso eclatante e unico per il Papato.
Tuttavia il Pontificato di Francesco sembra solidissimo, retto da rinnovato vigore e da una Fede che vede nuove fila di proseliti.
Consideriamo anche che la data della profezia di De Molay, 18 marzo 2014, è davvero prossima.
 Sono possibili stravolgimenti radicali nella più antica monarchia assoluta del mondo?
Ci sono poi le interpretazioni più complesse. 
Qualche studioso ritiene che per “morte del Papato” si intenda in realtà un ritorno alle origini del medesimo, abbattendo gli orpelli di potere e ricchezza che sono andati crescendo fin dopo i primi secoli di cristianesimo.
 In tal senso potrebbe dunque essere lo stesso pontefice, Papa Bergoglio, a dare una virata decisa alla Chiesa. 
Cosa che, secondo alcuni, sta già facendo.
Non dobbiamo fare altro che aspettare e interpretare il corso della Storia che mai, o quasi, è di facile lettura così come ci viene presentato dalle cronache e dagli organi d’informazione.
Attendiamo, curiosi…




Fonte: http://alessandrogirola.me/2014/01/02/fine-del-papato-18-marzo-2014/
http://ununiverso.altervista.org/blog/la-profezia-di-jaques-the-molay-fine-del-papato-il-18032014/

Nessun commento :

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...